Argento a Reggio Calabria 2016-10-13T11:03:02+00:00

Per argento 800 si intende che su mille parti di metallo, 800 sono in argento e 200 di lega di rame; allo stesso modo 925 designa che su mille parti di metallo, 925 sono in argento e 75 di lega di rame.

L’argento è un potente antibiotico naturale usato da migliaia di anni. Le proprietà mediche dell’argento erano già conosciute ai tempi dell’antica Grecia. Si era notato che nelle famiglie in cui si mangiava utilizzando utensili in argento, ci si ammalava difficilmente e le infezioni erano rare. Questa conoscenza si è tramandata tra Re, Imperatori, Zar, Sultani, tra i loro familiari e tra i membri di corte. Si mangiava su piatti d’argento, si beveva da coppe d’argento, si utilizzavano posate in argento e il cibo veniva conservato in contenitori d’argento.

Nel Medioevo, era talmente diffusa questa abitudine che i nobili ingerivano quotidianamente piccole quantità d’argento. Questa eccessiva esposizione all’argento causava spesso una patologia chiamata Argiria, molto frequente tra i nobili e reali di tutta Europa. Essi infatti, venivano chiamati “Sangue Blu” appunto per il loro colore bluastro della pelle, causa della malattia, dovuto alla massiccia quantità ingerita di argento puro.

Con particolare attenzione cerchiamo di diffondere la cultura dell’argento, che iniziata nell’antichità, è andata evolvendosi nei secoli rappresentando valori di buon gusto, di classe, d’eleganza, gratificando i possessori di un bene prezioso.

L’argento è un metallo molto duttile, può essere laminato fino alla trasparenza, di colore chiaro e lucente, considerato fin dall’antichità il più prezioso dopo l’oro.

La sua neutralità ai sapori e ai colori ha indotto i sommelier a sceglierlo per il loro simbolo, il “tastevin”, in cui versano il vino di cui intendono valutare sapore e colore. Anche noti ristoratori hanno adottato in cucina pentole d’argento, avendo costatato che questo metallo è eccellente per la cottura, poichè trasmette uniformemente il calore e permette di percepire distintamente i sapori dei vari ingredienti. In condizioni normali è inalterabile, ma a contatto con l’acido solfidrico presente nell’aria si ossida, per cui, in zone vicino al mare tende ad assumere riflessi gialli, bluastri ed infine neri, eliminabili con molta facilità se pulito con i prodotti adatti.

Gli argentieri italiani sono i primi nel mondo per qualità e quantità. La produzione supera le 1600 tonnellate, mentre ad esempio, quelle della Gran Bretagna sono inferiore alle 100 tonnellate.

L’argento è troppo tenero per essere utilizzato puro ed è quindi sempre utilizzato in lega con il rame a diverso titolo. A seguito della disciplina sui metalli preziosi, la cui revisione più recente è entrata in vigore il 2 Ottobre 1999, i titoli legali da garantire la fusione sono per l’argento: titolo 800 oppure titolo 925.

A titolo puramente esplicativo, immaginiamo che un vassoio pesa 1000 grammi; se esso è a titolo 800, ci sono 800 grammi di argento e 200 grammi di rame. Invece se è a titolo 925, ci sono 925 grammi di argento puro e 75 grammi di rame.

Un’altra differenza tra i due titoli che, finita la produzione dell’oggetto, quello in titolo 925 deve essere soltanto spazzolato, l’oggetto in 800, deve essere immerso e rivestito in un bagno di argento puro. Questo rivestimento di argento, nel titolo 800, può consumarsi e spesso capita di vedere macchie verdastre causate dalla presenza del rame nella lega. Negli oggetti in titolo 925 non può succedere.

Ad ogni fabbricante è attribuito un marchio recante, una stella a cinque punte, il numero di matricola del fabbricante e la sigla della provincia d’appartenenza. Per esempio un oggetto della Ditta Zaramella di Padova sarà contrassegnato da:

  1. titolo 925 chiuso in un ovale
  2. H stella a cinque punte
  3. 30 il numero di matricola
  4. PD la sigla della provincia d’appartenenza
Negli ultimi anni sono stati venduti, ingannando e tradendo la buona fede dei clienti, oggetti di resina o di metallo comune per oggetti d’argento massiccio.

Non lasciatevi ingannare da marchi tipo:

  • Arg. 800 (non è racchiuso in un ovale) = marchio non legale; metallo argentato galvanicamente
  • Arg. 925 (non è racchiuso in un ovale) = marchio non legale; metallo argentato galvanicamente
  • Ag. 800 = metallo argentato galvanicamente
  • Ag. 925 = metallo argentato galvanicamente
  • Argentone = lega di rame, zinco e nichelio argentato galvanicamente
  • Bilaminato = sottilissima lastra di argento applicata su un supporto di metallo comune contrassegnata con una “R” in un quadrato
  • Alpacca, lega argentata, sheffield, silverplate = leghe di metalli rivestite galvanicamente. Non possono essere vendute per argento.

Argenti

Servizio posate Mood by Christofle

Per fare vivere la bellezza, bisogna crearla continuamente e Mood di Christofle è l’essenza di questo concetto. Un grande contenitore [...]